CINEMA TV & DINTORNI

GIU’ LE MANI DA NETFLIX!

Ieri il nostro Ministro dei beni culturali, Alberto Bonisoli, ci ha fatto sapere che presto arriverà un decreto legge in cui vigerà l’obbligo di debutto dei film prima nella sale cinematografiche e poi nelle varie piattaforme di streaming come Amazon Prime o Netflix il famoso servizio di distribuzione internazionale di pellicole e serie tv originali.

Avete capito bene, le nostre serate ”divano & pop corn” saranno a rischio grazie a questo intervento legislativo che regolerà i passaggi dei film prima nelle sale e poi nei siti di streaming per garantire (a detta del nostro Ministro) l’esclusiva ai gestori dei cinema e per contrastare le uscite in anteprima sui siti di streaming.

A parte che tutti noi sappiamo che Netflix è un celebre portale usato per guardare le Serie Tv e che i suoi server di distribuzione globale sono negli Stati Uniti, ma questa legge a cosa serve? Forse il Ministro dovrebbe capire che, se avesse veramente a cuore le sorti dei nostri cinema, dovrebbe intervenire sul costo dei biglietti degli spettacoli che sono arrivati a 7,50€ (che paragonato al costo mensile di Netflix è nettamente superiore all’offerta data dal portale americano) o alle proposte del cinema italiano che è a un livello simile alla spazzatura e quindi investire sulle scuole di recitazione, di scenografie e di registi propendendo più film di qualità e invogliare più gente ad andare nelle sale.

In termini semplici, questa legge rapportata al mercato e all’industria musicale è come si ci obbligasse a comprare cd in vinile prima di poterli ascoltare tramite Spotify o altre piattaforme di streaming. 

Prossime battaglie? Ci obbligheranno a inviare lettere per posta e poi per email?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *